RESTAURI MONUMENTALI

Torna ai LAVORILavori.html
 
Pinacoteca Vaticana. Città del Vaticano
L’edificio viene ultimato nel 1931 da Papa Pio XI ad opera dell’architetto Luca Beltrami. 
Il nostro restauro è stato condotto con un approccio metodologico basato sulla massima conservazione delle superfici e tendeva a ridare decoro alle facciate ricche di mosaici, ceramiche e di 10 straordinari graffiti andati praticamente persi.Pinacoteca_vaticana.html
Città del Vaticano.
Restauro monumentale “a costo zero” del Colonnato, dell’Obelisco e delle Fontane di Piazza S. Pietro eseguito in collaborazione con la Direzione dei Servizi Tecnici del Governatorato della Città del Vaticano.
La pubblicità era prevista solo istituzionale e limitata allo spazio strettamente interessato dai lavori.Piazza_S._Pietro.html
Città del Vaticano.
Progetto per la realizzazione dell’uscita di Sicurezza e della scala di emergenza dalla Sala del Sinodo dei Vescovi situata sulla copertura dell’ingresso al primo piano dell’immobile dell’Aula Paolo VI.
Il progetto prevede la realizzazione di due rampe in acciaio e cristallo per inserirsi in modo armonico nella facciata vetrata dell’Aula.Sala_Paolo_VI.html
Foro Italico. Roma
Restauro dell’Obelisco del Duce e dei marmi di Via del Foro.
Lavoro “a costo zero” grazie all’uso dei ponteggi con cartelloni pubblicitari. Il carro, con all’interno una sala conferenze, doveva scorrere lungo il percorso dei lavori con vista sui restauri in corso.Foro_Italico.html
Soprintendenza alle Belle Arti. 
Lavori di restauro “ a costo zero” della facciata del complesso monumentale del S. Michele a Ripa a Roma.  
Costruito tra il il 1689 e il 1829 nell’area retrostante l’antico porto fluviale, l’enorme edificio apostolico nasce nella mente del Cardinale Antonio Tosti come casa e luogo di lavoro per i ragazzi abbandonati. 
Oggi è sede tra l’altro della Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici di Roma, e il Comando dei Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale.S._Michele.html
Fondo Edifici Culto. Ministero dell’Interno.
Lavori di rifacimento e messa a norma dell’impianto elettrico della chiesa di S. Maria in Trivio, nel Rione Trevi,  a Roma.
Realizzata intorno al 1570 a soli 50 metri da Fontana di Trevi, siamo intervenuti con un progetto di illuminazione che valorizzasse e rispettasse il luogo di culto impostato su due livelli, il primo liturgico, cioè funzionale alle celebrazioni religiose, l’altro più “architettonico”.
S._Maria_in_Trivio.html
Condominio di via delle Convertite
Il Condominio è situato tra Via del Corso e Via delle Convertite, all’interno del Rione Colonna. 
Il restauro ha interessato il prospetto più antico, quello proprio sull’angolo con via del Corso che risale circa  al 1593, e quello più sobrio di via delle Convertite.  
I lavori, sia delle facciate che di tutte le coperture, sono stati finanziati con l’esposizione sui ponteggi di manifesti pubblicitari per la durata del cantiere sul fronte esterno, con un risparmio economico rilevantissimo  per tutti i condomini.Convertite.html
Torna ai LAVORILavori.html
Ministero delle Infrastrutture e Trasporti.
Caterina da Siena in Magnanapoli.
Costruita tra il 1628 e il 1641 dall’architetto Soria come luogo di culto femminile, è oggi la sede principale dell’Ordinariato Militare che mantiene nel convento adiacente gli uffici e la sede del Vescovo.
I lavori di restauro delle facciate e di rifacimento delle coperture a tetto sono stati finanziati dal Fondo Edifici Culto del Ministero dell’Interno mentre la ristrutturazione degli uffici dell’Ordinariato Militare e del Salone del Coro dal Genio Militare.S._Caterina_da_Siena.html